Divina Commedia
Home Page
Inferno
Purgatorio
Paradiso


 
Il Paradiso dantesco
nella pittura di Marco Rinaldi
 
Nel mezzo del cammin di nostra vita
canto xxxiii
l'amor che move il sole e l'altre stelle
canto ii
quasi adamante che lo sol ferisse
quale a raggio di sole specchio d'oro
canto XXIII
del quale il ciel piĆ¹ chiaro s'inzaffira
Come foco di nube si diserra
canto XXX
quasi rubin che oro circunscrive

PARADISO
Canto XVII

Giù per lo mondo sanza fine amaro,
e per lo monte del cui bel cacume
li occhi de la mia donna mi levaro,

e poscia per lo ciel, di lume in lume,
ho io appreso quel che s'io ridico,
a molti fia sapor di forte agrume;

e s'io al vero son timido amico,
temo di perder viver tra coloro
che questo tempo chiameranno antico».

La luce in che rideva il mio tesoro
ch'io trovai lì, si fé prima corusca,
quale a raggio di sole specchio d'oro;

| inferno | purgatorio | paradiso | critiche | contact | link | english | home |