Divina Commedia
Home Page
Inferno
Purgatorio
Paradiso

E già per li splendori antelucani
tecnica mista su tela, 140x140cm

Il Purgatorio dantesco
nella pittura di
Marco Rinaldi
canto VIII
verdi come fogliette pur mo nate
canto X
ch'aperse il ciel del suo lungo divieto
cantoXVII
Ricorditi, lettor, se mai nell'alpe
canto XXVII
E già per li splendori antelucani
canto XXVIII
ed ecco più andar mi tolse un rio


PURGATORIO
Canto XXVII

Ne l'ora, credo, che de l'orïente
prima raggiò nel monte Citerea,
che di foco d'amor par sempre ardente,

giovane e bella in sogno mi parea
donna vedere andar per una landa
cogliendo fiori; e cantando dicea:

«Sappia qualunque il mio nome dimanda
ch'i' mi son Lia, e vo movendo intorno
le belle mani a farmi una ghirlanda.

Per piacermi a lo specchio, qui m'addorno;
ma mia suora Rachel mai non si smaga
dal suo miraglio, e siede tutto giorno.

Ell' è d'i suoi belli occhi veder vaga
com' io de l'addornarmi con le mani;
lei lo vedere, e me l'ovrare appaga».

E già per li splendori antelucani,
che tanto a' pellegrin surgon più grati,
quanto, tornando, albergan men lontani,

le tenebre fuggian da tutti lati,
e 'l sonno mio con esse; ond' io leva'mi,
veggendo i gran maestri già levati.

| inferno | purgatorio | paradiso | critiche | contact | link | english | home |