Divina Commedia
Home Page
Inferno
Purgatorio
Paradiso


 

The Comedy Purgatorio
painted by Marco Rinaldi
 
ch'aperse il ciel del suo lungo divieto,
verdi come fogliette pur mo nate
Ricorditi, lettor, se mai nell'alpe
E già per li splendori antelucani
ed ecco più andar mi tolse un rio


PURGATORIO
Canto XVII

Ricorditi, lettor, se mai nell'alpe
ti colse nebbia per la qual vedessi
non altrimenti che per pelle talpe,

come, quando i vapori umidi e spessi
a diradar cominciansi, la spera
del sol debilemente entra per essi;

e fia la tua imagine leggera
in giugnere a veder com'io rividi
lo sole in pria, che già nel corcar era.

Sí, pareggiando i miei co' passi fidi
del mio maestro, usci' fuor di tal nube
ai raggi morti già ne' bassi lidi.




Remember, Reader, if e'er in the Alps
A mist o'ertook thee, through which thou couldst see
Not otherwise than through its membrane mole,

How, when the vapours humid and condensed
Begin to dissipate themselves, the sphere
Of the sun feebly enters in among them,

And thy imagination will be swift
In coming to perceive how I re-saw
The sun at first, that was already setting.

Thus, to the faithful footsteps of my Master
Mating mine own, I issued from that cloud
To rays already dead on the low shores.

Longfellow translation

| inferno | purgatorio | paradiso | critics | contact | link | italiano | home |